martedì 29 luglio 2014

I pipistrelli e le Bat Box


I pipistrelli non sono tra gli animali più amati dagli uomini, forse perché l'immaginario collettivo li ricollega immediatamente ai vampiri, ma, conoscendoli più da vicino, si possono scoprire molte cose e arrivare ad ospitarli nelle Bat Box.

Infatti, ormai dal 2008, sono arrivate anche sul mercato italiano delle piccole costruzioni in legno - dette appunto Bat Box - pensate proprio per i pipistrelli, vendute inizialmente solo nei supermercati Coop, ma ora diffuse ovunque, e progettate in collaborazione con il Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze.

L'obiettivo è quello di proteggere questi piccoli mammiferi, che abitano d'estate i cieli del nostro Paese, non solo in campagna, ma anche in città,  e che sono un valido aiuto per combattere gli insetti e il loro sovra numero.



La prima cosa da sapere è, dunque, dove e quando posizionare le Bat Box, perché possano poi essere un rifugio confortevole per i nostri amici pipistrelli.

Rispetto alla scelta del luogo è da preferire, innanzitutto, un angolo poco rumoroso e scarsamente frequentato, ma soprattutto lontano dal suolo, in modo tale che sia riparato dall'attacco di eventuali predatori presenti nella zona (se si posizionano le Bat Box sul balcone della propria abitazione, vale la stessa regola, soprattutto se in casa si hanno anche dei cani o dei gatti!).
Inoltre, è bene anche non metterle troppo vicine a fonti luminose, altrimenti i pipistrelli non riescono più a capire bene quando è giorno e quando è notte, per cui potrebbero mancare il momento giusto per il loro pasto: il tramonto!
- Una Bat Box -

Invece, relativamente al momento migliore dell'anno per la loro collocazione, va detto che è da preferire il mese di marzo, quando inizia la bella stagione e i pipistrelli cominciano a svegliarsi, dopo il letargo invernale.
Spesso, inoltre, è bene sporcare con un pò di terra le Bat Box prima di appenderle, così da eliminare l'odore di nuovo, che può essere un deterrente alla loro scelta come abitazione.

Se vedete che non arrivano subito degli "ospiti", malgrado tutti i vostri sforzi per posizionare nella maniera migliore possibile la Bat Box, non demordete: magari i pipistrelli non 'hanno ancora trovata o non è ancora il momento giusto dell'anno per poterla abitare.

Se, invece, vi capita di trovare un pipistrello ferito e non potete rivolgervi immediatamente ad un centro specializzato per la cura di questi animali (come le oasi della LIPU) fate attenzione ad alcuni aspetti fondamentali.

Innanzitutto non sollevate mai un pipistrello per le ali, ma prendetelo delicatamente sotto il corpo (pancia o schiena a seconda di come è posto) e adagiatelo all'interno di una scatola, senza ovatta, che può essere pericolosa, ma, piuttosto, con della carta assorbente sul fondo.

All'interno di questo riparo di emergenza aggiungete, poi, un piccolo contenitore per l'acqua e mettete la scatola in un posto silenzioso, coprendola con un cartone, dotato di buchi per l'aerazione.
Se disponete di una borsa dell'acqua calda, usatela come supporto per poggiarvi sopra la scatola con il pipistrello, facendo attenzione a non ricoprire del tutto la borsa, ma solo per metà, in modo tale che il nostro piccolo amico alato possa scegliere se mettersi dalla parte più calda o da quella più fresca della sua abitazione temporanea.

Non date cibo improvvisato ai pipistrelli, ma solo acqua e, al limite, camole della farina (non le altre!). No latte, no carne cruda. In attesa di portare il pipistrello da un veterinario, potete consultare il sito: http://www.tutelapipistrelli.it/ho-trovato-un-pipistrello/, che vi darà tutte le informazioni necessarie.

Se, poi, vi siete appassionati a questi piccoli amici e volete saperne di più, potete anche consultare la guida al primo soccorso dei chirotteri, che vi spiega come comportarvi in caso di ritrovamento sia di cuccioli che di adulti di pipistrello.

Pazienza e costanza sono le parole d'ordine. La mia Bat Box è appesa da circa due anni, ma ancora i pipistrelli non sono arrivati. Non bisogna disperare, anzi, con questa crisi degli alloggi sono sicura che prima o poi qualcuno la sceglierà come sua abitazione cittadina.

http://www.generazioneweb.net