martedì 5 agosto 2014

Sud Africa, una giraffa muore durante il trasporto per trauma cranico

- Foto testimonianza di un passante

Succede anche questo nella vita: siamo nei pressi di Pretoria e qui si trasportano degli animali e non ci si rende conto che sono più alti del cavalcavia, sotto il quale si passa. Risultato? Un trauma cranico e uno dei due esemplari muore poco dopo, mentre l'altro arriva ancora vivo dal veterinario.

Forse la notizia non avrebbe nulla di particolarmente fuori dal comune (visto che le uccisioni degli animali sono all'ordine del giorno) se non fosse che non si tratta di topolini, micetti o cani. No, gli animali di cui stiamo parlando sono due giraffe, ossia dei mammiferi, che nascono già con un'altezza di due metri e che, poi, da adulti arrivano anche oltre i cinque.

E allora la domanda è: ma come diavolo si fa a non ricordarsi che si sta portando un animale - anzi due - così imponenti? Non calcoli l'altezza del cavalcavia, sotto cui stai passando, o non calcoli solo il valore di due innocenti ruminanti, che, per loro somma sventura, sono affidati alle tue cure?

Domande che ci poniamo un pò tutti, compresi, per fortuna, anche i responsabili della Società Nazionale per la Prevenzione della Crudeltà verso gli Animali (NSPCA), la quale ha richiesto l'avvio di un'indagine e, un'eventuale condanna penale, in caso di accertata responsabilità da parte del conducente del mezzo.

In aiuto alle Forze dell'Ordine sono corsi, questa volta, anche i passanti, che hanno filmato e fotografato con i loro smartphone, diverse momenti del trasporto, in cui si vede che le giraffe avevano già sbattuto altre volte la testa nel corso del viaggio, contro i cartelloni pubblicitari.

Insomma, il vecchio adagio, che recita la realtà a volte supera la fantasia, ha qui trovato piena conferma.


La scena del film "Una notte da leoni 3", nella quale il povero animale viene decapitato (già allora, in realtà, l'avevo trovata raccapricciante come immagine, ma se non altro frutto di una pura e semplice finzione, che all'interno di una trama surreale e di evasione come quella della pellicola in questione, poco o nulla stonava con il contorno), qualche giorno fa non solo si è trasformata in realtà, ma ha anche visto il coinvolgimento non di uno, ma di due giraffe insieme.

Rimaniamo ora in attesa della chiusura delle indagini e del processo, sperando che almeno questa volta i colpevoli paghino per la loro superficialità.

http://www.generazioneweb.net