martedì 27 settembre 2016

Riparbella (PI) - Il mondo animalista pretende risposte...non telefoni attaccati in faccia



Chi la conosce sa bene come la pensa, è una di quelle persone che scende sempre in prima fila per gli animali, difficile che se ne stia in trincea. 

E così è stato anche questa volta: Loredana Pronio, presidente della FederF.I.D.A. onlus, ieri non appena ha saputo di quanto accaduto a Riparbella, in provincia di Pisa, si è subito attivata.

Nel corso della sua trasmissione radiofonica AnimaliAmoli, su Colors Radio, ha contattato a sorpresa il parroco della cittadina toscana e...cosa è accaduto?

A dircelo è lei stessa: E' molto semplice...ho telefonato...mi ha risposto una signora ed ho chiesto di Don Bruno. Mi ha risposto che era fuori. Allora le ho dovuto dire , per correttezza, che eravamo in diretta e che chiamavo per sapere della "trovata" riguardo i conigli appesi sulla facciata della chiesa. MI HA SUBITO ATTACCATO IL TELEFONO IN FACCIA. punto!”.


Breve e concisa, ma altrettanto lo è stato l'atteggiamento di Loredana, quando le ho chiesto: "E ora?"...logico: "Martedì prossimo richiamo!".

"Purtroppo - sottolinea ancora Loredana Pronio - non ci sono i termini per denunciare questo parroco poichè, i conigli, non sono ancora considerati " animali d'affezione " al pari di cani e gatti! Questa è una battaglia della Feder F.I.D.A. onlus che chiede vi sia una legge che li tuteli".

Questa volta le critiche si stanno sollevando davvero da più fronti e questo non fa altro che aumentare la speranza che simili fatti non si ripetano. Nell'attesa che questo sia realizzabile, una certezza però esiste: l'unione fa la forza e qui mi sembra che davvero qualcuno prima o poi dovrà dare delle spiegazioni.

Un grazie di cuore a Loredana Pronio e alla Feder F.I.D.A. onlus per il lavoro che svolgono quotidianamente.