venerdì 25 settembre 2015

Comunicato stampa - Lungotevere Testaccio. Devastata colonia felina e avvelenati gatti. Cioffari - Albanesi (SEL): "urge bonifica ansa golenale"






Mercoledì 23 settembre, durante la notte, ignoti hanno devastato la colonia felina ospitata nell'ansa golenale sinistra di Lungotevere, all'altezza di Testaccio, avvelenando alcuni gatti. A darne notizia, in una nota congiunta, Mauro Cioffari (Capogruppo SEL) e Sabrina Albanesi (Responsabile Diritti Animali e Ambiente SEL Roma Area Metropolitana).

"Da anni i cittadini residenti", dichiarano Cioffari e Albanesi, "sollecitano alle autorità competenti e all'amministrazione comunale la situazione di disagio e di abbandono in cui versa l'ansa golenale adiacente al Lungotevere Testaccio attraverso appelli, raccolte di firme, segnalazioni ed esposti con i quali sono stati più volte sollecitati la riqualificazione dell'area, la rimozione delle baracche, il trasferimento delle persone senza fissa dimora in più adeguate strutture e la messa in sicurezza del tratto che va da Ponte Testaccio a Ponte Sublicio".

"All'insicurezza dei residenti, testimoniata dalle numerose denunce di aggressioni, di furti e di atti di vandalismo, al disagio delle persone senza fissa dimora che periodicamente tornano ad abitare nell'area golenale, si aggiunge, oggi", denunciano Cioffari e Albanesi, "un gesto di grave crudeltà".


"Rivolgiamo un appello al Sindaco di Roma e alle autorità competenti", concludono Cioffari e Albanesi, "affinché venga predisposta ogni idonea iniziativa per la riqualificazione, in tempi certi, dell'ansa golenale dell'argine sinistro del Tevere, da Ponte Sublicio a Ponte  a Ponte Testaccio, restituendolo alla fruibilità dei cittadini e delle cittadine, garantendo, al contempo la vita e il benessere degli animali ospitati sulle rive del Tevere".


Questo il comunicato. Chi conosce personalmente Mauro Cioffari (io ho questa fortuna), sa bene quanto egli si prodighi per il suo Municipio e per gli animali in particolare. Il problema rimane, tuttavia, sempre lo stesso: se il benessere dei nostri amici a 4 zampe non è tra i pensieri primari del Primo Cittadino di Roma, a poco possono i singoli o, comunque, i loro sforzi devono decuplicarsi per raggiungere l'obiettivo....

E, come sempre, a farne le spese rimangono i più deboli. Questa volta è toccato ai gatti di Testaccio e la prossima?