martedì 1 luglio 2014

Florida: uno sceriffo salva un toro che sta annegando


In Florida uno sceriffo donna si tuffa senza esitazione in uno stagno, per salvare un toro di 450 chili, che, caduto nell'acqua, stava annegando. 
Infatti, il fango di cui era rivestito il fondale, impediva all'animale di nuotare, spingendolo piuttosto verso il fondo a causa della sua agitazione e dei movimenti convulsi che continuava a fare.
Così lo sceriffo locale, chiamata sul posto per cercare di prestare aiuto al toro, si è immediatamente tolta la giacca dell'uniforme, ha poggiato al suolo la pistola d'ordinanza e poi è entrata nello stagno, in modo tale da mantenere la testa dell'animale sopra il pelo dell'acqua, consentendogli così di respirare.
Uno sforzo davvero immane, durato non meno di tre ore. Tanto ci è voluto, infatti, agli uomini del soccorso per riuscire a estrarre il toro, ormai agitatissimo e, allo stesso tempo, stremato, dalle acque dello stagno. 
La notizia non ha avuto grande diffusione, forse perché si trattava appunto "solo" di un toro. Non un cane maltrattato legato su un'autostrada, non un gattino tenero su un albero, ma solo un toro
Ebbene, sono proprio questi gli atti di vero eroismo, quelli compiuti non per ottenere celebrità, ma soltanto perché si riconosce in un essere vivente, anche se non umano, comunque una vita. Si legge il suo dolore, la paura nel trovarsi in una situazione di pericolo, il terrore di non farcela e si decide, quindi, di prestargli aiuto.
Un grazie a questa donna per aver permesso ad un animale di continuare a vivere!
Il suo nome non è noto, ma forse non è importante saperlo, perché a volte i gesti rimangono impressi molto più a lungo di un semplice nominativo.