mercoledì 25 ottobre 2017

Jack ha bisogno del nostro sostegno per tornare a camminare. Aiutiamo i volontari di A.N.T.A. onlus a realizzare il suo sogno

- Jack -



E poi tra le tantissime mail, che mi arrivano ogni giorno, me ne colpisce una in particolare. Si tratta di una richiesta di aiuto per Jack da parte dell'Associazione Nazionale Tutela Animale (A.N.T.A.) di Sava, in Puglia.

Già, ma chi è Jack? Apro, quindi, la posta e scorro di un solo fiato la mail, come sempre con il cuore, a cui i battiti accelerano, viste le situazioni difficili, che quotidianamente vengono segnalate.

Da là passo alle foto ed immediatamente lo vedo...Jack in tutta la sua fierezza di cane di razza e la sua tenerezza nel tentare di mantenere una posizione stabile, malgrado le sue ossa glielo impediscano. Jack che, da buon cane da caccia, forse è stato gettato via quando non più utile...Jack ritrovato terrorizzato e solo.

Di lui i volontari sanno poco o nulla, se non che, sin dal primo momento che l'hanno trovato, avrebbe richiesto loro un impegno particolare, non solo empatico, ma anche finanziario, eppure non si sono tirati indietro.

Anzi, proprio la loro mail, non è altro che la testimonianza pura del fatto che loro al sogno di Jack di avere una vita felice ci credono, quindi perché non aiutarli a realizzarlo?

Inizio, quindi, con la pubblicazione del loro appello integrale:
- Jack -

"Jack è un bracco di circa 10 anni, ci è stato segnalato nelle campagne in un paese vicino al nostro e abbiamo provato a cercarlo per più giorni, dopo mille ricerche lo abbiamo trovato in una casa fatiscente, in un posto davvero sperduto. 

La sua condizione è apparsa subito grave, faceva molta fatica a muoversi e si capiva che c'era un problema anche a livello di ossatura. 

Portato dal veterinario, fatte le radiografie, gli è stata riscontrata una gravissima forma di artrosi su tutto il corpo dovuta anche a malnutrizione sin dalla nascita, zampe anteriori deformi con calli e ferite dovute a fratture non curate negli anni e saldate male probabilmente causate da investimento oltre a una forte presenza di tartaro sui denti che causava infiammazione gengivale. 

La detartarasi è stata effettuata subito e abbiamo iniziato la terapia indicataci con antibiotici, antinfiammatori e integratori per l'artrosi in modo da alleviare i forti dolori ed è ora in stallo con noi. 
- Jack -

Stiamo ora provvedendo ad acquistare dei tutori che possano aiutarlo a muoversi (ne serve uno per la spalla e due per le zampe anteriori) per non far peggiorare la sua situazione già grave.

All'inizio non si fidava dell'uomo, non si faceva toccare in alcun modo e ringhiava, cercando di mordere nel momento in cui vedeva delle mani avvicinarsi al suo corpo.

Ora pian piano ha ripreso fiducia nell'essere umano, cerca le coccole, si fa manipolare, accarezzare, coccolare ed è diventato un cane dolcissimo e bisognoso d'amore.

Cerchiamo per lui un'adozione del cuore, qualcuno che abbia modo di offrirgli un pò di amore e di comodità, non è un cane molto impegnativo trascorre le sue giornate a riposare su un cuscino morbido e si alza per fare i suoi bisogni. 

E' pulitissimo non sporca assolutamente in casa.

zooplus.it


Oppure qualcuno di buon cuore che possa darci una mano a sostenere le spese per le cure e per i tutori necessari".


Ricapitoliamo, dunque...Servono tutori come prima cosa, perciò se qualcuno può aiutare si faccia avanti. Ma se proprio non se ne trovassero, basterebbe anche sostenere le spese per il loro acquisto e far si che Jack possa averli.
- Jack -

Certo l'aiuto massimo sarebbe quello di aprire le porte della propria abitazione a Jack, per fargli vivere il calore di una vera famiglia e credo che a 10 anni se lo meriti davvero. 

Il caldo di una cuccia, una ciotola sempre piena, infinite carezze a disposizione sarebbero di sicuro la cura migliore non solo per le ossa di questo amico a quattro zampe, ma anche - anzi soprattutto - per il suo cuore.

Anche il mio cane quando è arrivato a casa aveva seri problemi alle zampe, anche lui poteva essere classificato tra le adozioni del cuore, ma il tempo e l'amore hanno saputo curare ogni sua ferita e donargli una vita felice. 

In realtà, mi chiedo sempre a chi quest'incontro abbia migliorato l'esistenza e, tutto sommato, penso proprio di esserne uscita migliore io stessa per prima e, poi, anche Speed (questo il nome del mio amico a 4 zampe).
- Jack -

Non si tratta di miracoli o di casi sporadici. Si tratta del semplice e meraviglioso miracolo dell'amore, per cui quel che si pensa di donare, in realtà rende più ricchi proprio noi stessi.

Basta perciò perdersi nello sguardo di Jack, in quei suoi occhi così pieni di speranza, per capire che qui c'è molto, molto per cui attivarsi. 

E se la vita fino ad oggi con lui si è mostrata poco clemente, almeno finché non ha incontrato questi splendidi volontari che tanto si stanno attivando per fargli avere una famiglia, magari qualcuno può fare ancor di più la differenza adottandolo.

Se volete avere ulteriori informazioni su Jack o volete adottarlo o aiutare per l'acquisto dei tutori potete inviare una mail all'indirizzo onlusantasava@gmail.com oppure potete visitare la pagina facebook dell'associazione o il loro sito

Io da parte mia continuerò a seguire la storia di jack, sperando di poter scrivere anche per lui un lieto fine. Ci sono storie che vanno dritte al cuore...questa è proprio una di quelle!