mercoledì 8 novembre 2017

Quando un riccio non è solo un semplice capriccio

- Riccio salvato dal Centro Recupero Ricci "La Ninna" -


Il Centro di Recupero Ricci "La Ninna" opera in Piemonte e si occupa del salvataggio, del reinserimento e della difesa di questi piccoli amici a quattro zampe. 


Oggi, dopo aver parlato nei giorni scorsi di polli e di conigli, voglio parlarvi anche di ricci! Si proprio di quegli splendidi animali, che sempre più spesso incontriamo anche nei giardini privati delle nostre abitazioni in città, ed ho deciso di farlo ora perché questo è il periodo dell'anno in cui vanno in letargo e, quindi, hanno maggiormente bisogno del nostro aiuto.

Chi segue il blog, è ormai abituato all'idea che gli animali sono per me tutti uguali, senza alcuna distinzione di sorta, per cui credo sia importante dare ampio spazio a ciascuno di loro, perché tenda a diminuire quell'atteggiamento alquanto curioso per cui: che belli che sono il mio cane e il mio gatto, ma poi se vedo un altro animale in difficoltà, mi giro dall'altra parte e vado oltre!

Innanzitutto, come sempre dico, quando si trova un animale la prima cosa da fare è rivolgersi immediatamente ad un veterinario esperto per sapere come comportarsi. Infatti, è bene ricordare che i ricci sono animali selvatici, con specifiche e peculiari caratteristiche, per cui richiedono altrettanta competenza nelle cure da fornire loro.

zooplus.it

Tuttavia, se trovate un cucciolo di riccio di notte e non sapete dove andare, keep calm e iniziate a consultate le nozioni basilari di primo soccorso a questo link, poi, appena possibile, correte da un veterinario.



- Riccio salvato dal Centro Recupero Ricci "La Ninna"- 
Oggi, per dare qualche informazioni in più, voglio parlarvi, però, anche di un'associazione, che segue specificatamente questi animali, e che gestisce il Centro di Recupero ricci "La ninna".

Si tratta di un'associazione di volontariato, la quale opera in Piemonte e ha come mission quella di salvaguardare la vita di questi piccoli e simpatici amici a quattro zampe. 

Come qualsiasi realtà del terzo settore, anche quest'organizzazione no profit ha bisogno del nostro aiuto e sono tantissime le modalità in cui possiamo attivarci.

Innanzitutto è possibile donare dei croccantini Royal Canin Kitten per gatti, usati dai volontari per nutrire i ricci, i quali non riescono più a reperire in natura le loro prede abituali (scarafaggi, millepiedi), per cui vengono recuperati fortemente denutriti e provati. Una volta acquistati i croccantini (forse on line è ancor più semplice) potete farli spedire direttamente all'indirizzo:

Centro ricci "La Ninna" - Via Regina Margherita 1- 12060 Novello

Oppure è possibile sostenere il Centro di Recupero, facendo direttamente una donazione al seguente indirizzo:

CRAS di Cuneo Sede di Novello
CENTRO RECUPERO RICCI LA NINNA
Via Regina Margherita 1- 12060 Novello - Cuneo
Banca d'Alba filiale di Roddi 
Iban: IT65W 08530 27220 000420163366

Intanto per aiutare quest'associazione e fare anche un regalo gradito a noi stessi, si può acquistare il libro 25 grammi di felicità. Come un piccolo riccio può cambiarti la vita, scritto da Massimo Vacchetta con Antonella Tomaselli.



Per maggiori informazioni potete visitare la pagina facebook dell'associazione, inviare una mail o contattare direttamente il numero di cellulare 337.352301.

Peccato io sia abbastanza lontana dal Piemonte, ma non escludo la possibilità di una piccola trasferta per andare a conoscere da vicino una realtà così particolare, dove l'amore per i più deboli si concretizza in piccoli-grandi gesti quotidiani.



Sabrina Rosa